I CRISTALLI DEVONO ESSERE PURIFICATI PRIMA DI VENIRE UTILIZZATI

Quando un cristallo giunge nelle proprie mani è necessario effettuare una purificazione per eliminare tutte le energie eventualmente assorbite prima di tale momento.

Si tratta delle energie dei luoghi nei quali il cristallo è stato conservato, delle persone che lo hanno maneggiato e degli avvenimenti che si sono verificati nei posti in cui il cristallo si trovava.

Tutte queste vibrazioni, spesso disarmoniche ed anche in conflitto reciproco, devono essere cancellate dalla memoria del cristallo per poterlo poi riprogrammare e quindi utilizzare a fini terapeutici.


COME PURIFICARE E RIATTIVARE I CRISTALLI PER OTTIMIZZARE LA LORO ENERGIA

Per pulire i cristalli da energie residue in modo che possano svolgere al meglio la loro funzione e dare il massimo beneficio, si consiglia di immergerli in un bicchiere di sale grosso per 24 ore e successivamente lavarli sotto acqua corrente. Altrimenti, immergerli nell’argilla o posizionarli su una drusa di Quarzo Ametista o di Quarzo Ialino.

Per ricaricare energeticamente i cristalli è necessario esporli alla luce della luna, durante le fasi di plenilunio oppure ai raggi indiretti del sole nelle prime ore del mattino o al tramonto.

È opportuno evitare di far toccare i cristalli ad altre persone.